Bergamo Pride 2020 – Parata finale

Appuntamento a giugno 2020

Il 13 giugno 2020 le bandiere arcobaleno di Bergamo Pride torneranno a sfilare per le vie della città. La data è stata annunciata oggi durante una conferenza stampa allo spazio Edoné, che ospiterà gli eventi collegati al corteo. Presente anche l’Assessora alle Pari opportunità del Comune di Bergamo Marzia Marchesi.

Un pride dal sapore estivo

“Abbiamo scelto di annunciare la data così presto per questioni logistiche . Spiega la portavoce del Comitato Bergamo Pride Cecilia Riva – ma anche per invitare tutti a partecipare. Siamo stati molto contenti del corteo del 2019, molto partecipato anche se si è svolto sotto una pioggia battente, ma ascoltando le richieste di molti per il 2020 abbiamo scelto una giornata più estiva.”

Un pride fatto da volontari/e

Per costruire un Pride servono volontari/e. “ll Pride non si limita al corteo del 13 giugno. E’ l’appello del segretario del comitato, Alberto Magistro – ma è un percorso fatto di una serie di iniziative, alcune in calendario già per l’autunno. E’ per questo che chiediamo ai singoli e alle associazioni di aiutarci a costruire insieme questo cammino. Il comitato è già pienamente operativo, chiunque volesse unirsi ai volontari che già collaborano è il benvenuto, basta contattarci attraverso i social”.

Il sostegno del Comune di Bergamo

L’assessora alle Pari opportunità Marzia Marchesi porta il saluto da parte dell’amministrazione. “Le prime edizioni del Pride sono state un momento importante per la città, siamo stati fieri di patrocinarle e siamo contenti del nuovo appuntamento per il 2020. Da diversi anni esiste a Bergamo un Tavolo contro l’omofobia, col compito di coordinare le diverse associazioni che in città lavorano su questi temi, e che ha prodotto risultati importanti come il registro per le unioni civili, aperto nel nostro Comune prima dell’approvazione della legge nazionale. In questo contesto il Comitato Pride è un elemento importante, non solo per il corteo in sé, comunque fondamentale, ma per tutti i momenti di confronto e le relazioni che ha saputo creare”.

La collaborazione con lo spazio giovani Edoné

Marco Bonomi, per lo spazio Edoné, ha fatto gli onori di casa. “Siamo contenti di poter collaborare alla realizzazione del Pride 2020, un’iniziativa che va nella direzione che Edoné ha scelto nei suoi ormai dieci anni di vita. Vogliamo essere non un semplice bar, ma un luogo dove fare cultura e aggregazione sul territorio, che può dare spazio ad appuntamenti e associazioni come questa”. Conclude Riva: “Abbiamo scelto Edoné perché è uno spazio comunale, e già questo per noi è importante, e perché durante la collaborazione nata con il Punk Rock Raduno hanno saputo dimostrarsi sensibili e attenti alle tematiche LGBTQI. Siamo contenti/e di poter continuare a lavorare insieme”.