Anche la befana si mette le ali – Raccolta assorbenti

raccolta assorbenti

Raccolta assorbenti, tamponi e prodotti per igiene intima

Anche la befana si mette le ali – Raccolta assorbenti. Il comitato Bergamo Pride avvia la raccolta di prodotti destinati all’igiene intima femminile.
Dal 2 al 6 gennaio saranno allestiti diversi punti raccolta, presso i quali potrete consegnare assorbenti, tamponi, coppette mestruali e prodotti per l’igiene intima.
L’evento finale di raccolta si terrà il giorno dell’Epifania, lunedì 6 gennaio dalle 14.00 alle 18.00 presso Toolbox, via Nastro Azzurro 1/A, Bergamo. In questa occasione saranno allestiti un info point e un banchetto Bergamo Pride.
Tutti i prodotti raccolti saranno destinati alle associazioni bergamasche che si occupano di aiutare e dare una alternativa alle donne in difficoltà.

Sulla scia dell’evento di raccolta coperte e abiti pesanti avviato lo scorso anno, anche quest’anno il comitato Bergamo Pride ha scelto di impegnarsi nel periodo natalizio per dare una mano a chi è meno fortunato.

Evento Facebook

I punti di raccolta

raccolta assorbenti

Dal 2 al 6 gennaio:

Mamo’s, via Baschenis 13, Bergamo
Edoné Bergamo, via Agostino Gemelli 17, Bergamo
Barrio Campagnola, via Ferruccio dell’Orto 20, Bergamo
Circolino della Malpensata, via Luigi Luzzatti 6, Bergamo

Solo il 6 gennaio, dalle 14.00 alle 18.00

Toolbox, via Nastro Azzurro 1/A, Bergamo

Gli assorbenti sono un bene di lusso?

Gli assorbenti in Italia sono tassati al 22%, al pari dei beni di lusso come il tartufo. Mentre in molti stati europei gli assorbenti godono di IVA agevolata, quando non sono del tutto gratuiti.
La recente proposta di legge per la riduzione dell’IVA su questa tipologia di prodotti si riferisce soltanto ai tamponi eco-sostenibili e imporrebbe un abbassamento della stessa al 5%. Eppure le motivazioni che si trovano dietro questa scelta paiono essere soprattutto ambientali, più che legate a un discorso di accessibilità a questi beni primari essenziali per tutte le donne.
Purtroppo anche a livello culturale il cambiamento che auspichiamo sembra tardare sempre più. Le mestruazioni sono infatti spesso considerate un tabù, qualcosa di cui non bisogna parlare, qualcosa di sporco e osceno che va tenuto nascosto.